banner

Behind the scenes: Tommaso Guadagni ci parla di Visualeyed

I primi di settembre l’editoria online ha visto il lancio di un nuovo ambizioso progetto, si tratta di Visualeyed e oggi é Tommaso Guadagni a raccontarci in una breve intervista di cosa si tratta e quale sviluppo prevede questo nuovo progetto.

 

logo_viz-01

Buongiorno Tommaso, iniziamo dunque la nostra intervista: in cosa consiste Visualeyed?
Visualeyed è il nuovo arrivato nella famiglia The Visual Agency, è un magazine online che vuole trattare di Data & Visual Journalism; si propone come un occhio sul mondo dell’editoria web, raccoglierà i migliori articoli dell’editoria digitale e interactive e proporrà contenuti di data journalism prodotti dalla redazione del sito.

 

Un progetto interessante, si è parlato di Visual Journalism, ma cosa sta dietro questa definizione?
E’ una disciplina che si utilizza per rendere fruibili informazioni e notizie complesse o molto dense di informazioni, utilizzando forme visive.

 

Da chi è composta la redazione?
La redazione di Visualeyed è formata da me, Tommaso Guadagni, un editore e un programmatore che fanno parte del team di the visual agency. La redazione segue un piano editoriale prestabilito e propone le cover story interfacciandosi con datajournalist specializzati.

 

Quali sono i temi di cui si occuperà la redazione di Visualeyed?

Gli articoli della redazione cercheranno di proporre articoli di attualità e di interesse sociale in maniera innovativa arricchite dai dati raccolti dalla redazione e approfondite attraverso forme visive.
Il primo degli articoli proposti parla di un tema molto importante per tutti noi: l’inquinamento della plastica negli oceani, Plastic Garbage Island.
L’articolo successivo visualizza i dati di tutti conflitti militari in africa dal 1900 ad oggi, permettendo all’utente di navigare e approfondire i dati attraverso filtri e forme grafiche interattive.

 

banner

 

Perché avete scelto di trattare tematiche sociali più che aziendali?

La scelta delle tematiche sociali è dettata dal fatto che i nostri articoli vogliono approfondire macro temi e abbiamo individuato nelle tematiche sociali i contenuti principali che contribuiscono a generare l’interesse nei lettori. Inoltre, grazie allo studio dei dati e delle nuove forme visive e grafiche vogliamo arricchire e dare la possibilità di approfondire il tema dell’articolo, anche quando il tema in questione non è così semplice da trattare.

 

Cosa vi aspettate dal sito?
Sicuramente un incremento del traffico e magari anche, perchè no, riuscire a raggiungere visibilità internazionale.
Inoltre vorremmo riuscire a sensibilizzare gli editori italiani all’uso di forme visive più sofisticate, come già da tempo viene fatto all’estero. Siamo convinti che le aziende italiane possono e devono prendere spunto dall’editoria interactive, ed è per questo che The Visual Agency ha scelto di sposare e sponsorizzare questo nuovo progetto.

 

Dove è possibile seguire Visualeyed?
Naturalmente su www.visualeyed.com e sulla pagina Twitter @Visual_eyed.

 

Grazie e in bocca al lupo Tommaso!